You are here

Glossario

A | B | C | D | E | F | G | I | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V
  • capitale umano

    Definizione: 

    Conoscenze, abilità, competenze e attitudini personali di cui le persone dispongono e che favoriscono il benessere personale, sociale ed economico.

    Fonte: 
    OECD, 2001.
  • carenza di competenze

    Definizione: 

    Si ha quando la persona cui è stata affidata una mansione non possiede un livello di competenza tale da consentirne l'adeguato svolgimento.

    Nota: 
    • la carenza di competenze può essere valutata a livello individuale (con un bilancio di competenze), a livello di impresa/settore o a livello regionale, nazionale o internazionale;
    • la carenza di competenze può dipendere da un livello insufficiente di qualificazione; ma può riferirsi anche a situazioni in cui la forza lavoro, pur essendo in possesso del giusto livello di qualificazione, è priva di specifiche abilità (quali le abilità gestionali) o dell'esperienza necessaria per svolgere adeguatamente una mansione o attività.
    Fonte: 
    Cedefop, 2010.
  • carenza di competenze

    Definizione: 

    Si ha quando l'offerta di competenze (tipi di abilità e numero di attori sul mercato del lavoro) non soddisfa la domanda di competenze del mercato del lavoro.

    Nota: 

    la carenza di competenze puo’ verificarsi aqualunque livello di qualificazione; può conseguire a:

    • un'offerta insufficiente di istruzione e formazione;
    • uno sbilanciamento geografico dell'offerta;
    • sviluppi che influiscono sulla struttura dell'economia;
    • bassa capacità attrattiva di alcuni mestieri (condizioni di lavoro difficili, bassa remunerazione, scarso riconoscimento sociale).
    Fonte: 
    Cedefop, 2010.
  • carta prepagata di credito formativo individuale

    Definizione: 

    Sistema di incentivi pubblici per promuovere l’accesso degli adulti all’apprendimento – nel caso, per esempio, di persone che non beneficiano già di programmi d’istruzione o formazione finanziati dallo Stato.

    Nota: 

    la carta prepagata di credito formativo individuale ha l’obiettivo di ampliare la partecipazione allo sviluppo professionale e personale fornendo un sostegno, in forma di aiuto economico o di tempo che i discenti possono trascorrere in un’istituzione di loro scelta.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008.
  • certificato / diploma / titolo

    Definizione: 

    Documento ufficiale rilasciato da un organismo di certificazione che riporta i risultati conseguiti da un individuo all’esito di un accertamento rispetto a uno standard prestabilito.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008.
  • certificazione dei risultati dell’apprendimento

    Definizione: 

    Rilascio di un certificato, un diploma o un titolo che attesta formalmente che un ente competente ha accertato un insieme di risultati dell’apprendimento (conoscenze, know-how, abilità e/o competenze) conseguiti da un individuo rispetto a uno standard prestabilito.

    Nota: 

    la certificazione può convalidare i risultati dell’apprendimento conseguiti in contesti formali, non formali o informali.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008.
  • coesione sociale

    Definizione: 

    Il livello al quale i diversi gruppi di una società vivono insieme e condividono gli stessi valori.

    Nota: 
    • la coesione sociale implica un basso livello di esclusione sociale, una cooperazione all'interno della comunità e una solidarietà trasversale a collettività e gruppi sociali;
    • la coesione sociale va al di là del livello di omogeneità economica (tasso di occupazione, livelli salariali, accesso a sanità e istruzione, edilizia abitativa); essa è correlata anche al livello di inclusione sociale;
    • Jenson (1998) ha identificato cinque dimensioni della coesione sociale:
      • appartenenza - isolamento: il che significa valori, identità, sentimenti e impegni condivisi;
      • inclusione - esclusione ( accesso ai servizi sociali);
      • partecipazione - non-partecipazione (alla società civile);
      • riconoscimento - rifiuto della diversità (in una società pluralistica);
      • legittimità - illegittimità (fiducia e rispetto delle istituzioni).
    Fonte: 
    Cedefop, 2008; Jenson, 1998.
  • comparabilità delle qualifiche

    Definizione: 

    La possibilità di stabilire un’equivalenza tra il livello e il contenuto delle qualifiche (certificati, diplomi o titoli) a livello settoriale, regionale, nazionale o internazionale.

    Nota: 

    la comparabilità delle qualifiche contribuisce al miglioramento della mobilità e dell’occupabilità delle persone. Non va confusa con l’«equipollenza dei titoli» (che indica l’equivalenza di certificati o diplomi).

    Fonte: 
    Cedefop, Bjørnåvold, Tissot, 2000.
  • competenza

    Definizione: 

    La capacità di applicare in modo appropriato in un determinato contesto (istruzione, lavoro, sviluppo personale o professionale) i risultati dell’apprendimento.

    oppure

    Comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale.

    Nota: 

    la competenza non si limita agli elementi cognitivi (che implicano l’utilizzo di teorie, concetti o conoscenze tacite), ma comprende anche aspetti funzionali (competenze tecniche), qualità interpersonali (per esempio, competenze sociali o organizzative) e valori etici.

    Fonte: 
    Cedefop; European Parliament and Council of the European Union, 2008.
  • competenza digitale / alfabetizzazione digitale

    Definizione: 

    La capacità nell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).

    Nota: 

    la competenza digitale è supportata da abilità di base nelle TIC: l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008; European Parliament and Council of the European Union, 2006.
  • competenze di base

    Definizione: 

    Le competenze necessarie per vivere nella società contemporanea: ascoltare, parlare, leggere, scrivere e fare di conto.

    Nota: 

    assieme alle nuove competenze di base, le competenze di base formano le competenze chiave.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008.
  • competenze di base in materia di tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

    Definizione: 

    Le competenze necessarie per utilizzare in maniera efficace le funzioni di base delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni, nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

    Nota: 

    le competenze di base in materia di TIC fanno ormai parte delle competenze chiave.

    Fonte: 
    European Parliament and Council of the European Union (2006); Cedefop, 2012.
  • competenze emergenti/nuove

    Definizione: 

    Abilità richieste in misura crescente per lo svolgimento di mestieri e professioni, esistenti o nuovi.

    Nota: 

    l'identificazione delle abilità/competenze emergenti o nuove è cruciale per prevenire carenze di competenze e di qualifiche, favorire l'occupabilità dei cittadini e soddisfare i fabbisogni dell'economia.

    Fonte: 
    Cedefop.
  • competenze in materia di tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

    Definizione: 

    Le competenze necessarie per utilizzare efficacemente le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).

    Nota: 

    in una relazione su competenze TIC e occupazione, l’OCSE propone questa semplice classificazione:

    • competenze TIC di livello professionale: capacità di utilizzare strumenti informatici e digitali avanzati e/o di sviluppare, riparare e creare tali strumenti;
    • competenze TIC applicate: capacità di utilizzare semplici strumenti informatici e digitali in contesti lavorativi generici (professioni non correlate al settore delle tecnologie dell’informazione);
    • competenze informatiche di base o «alfabetizzazione digitale»: capacità di utilizzare le TIC per svolgere compiti basilari e come strumenti per l’apprendimento.
    Fonte: 
    Cedefop, 2004; OECD, Lopez-Bassols, 2002.
  • comunità che apprende / comunità d’apprendimento / collettività che apprende

    Definizione: 

    Comunità o collettività che promuove una cultura dell’apprendimento sviluppando un partenariato locale efficace tra tutti i settori della comunità e che aiuta e motiva gli individui e le organizzazioni ad apprendere.

    Fonte: 
    Cedefop, 2004.
  • conoscenza

    Definizione: 

    Risultato dell’assimilazione di informazioni attraverso l’apprendimento. Le conoscenze sono l’insieme di fatti, principi, teorie e pratiche relative a un settore di studio o di lavoro.

    Nota: 

    le definizioni di «conoscenza» sono numerosissime. Le moderne concezioni del termine «conoscenza» si fondano su alcune distinzioni essenziali:

    • Aristotele distinse la logica in teorica e pratica. In linea con questa suddivisione, i teorici moderni (Alexander et al., 1991) separano la conoscenza dichiarativa (teorica) da quella procedurale (pratica).
      • La conoscenza dichiarativa comprende affermazioni su eventi e fatti specifici e generalizzazioni empiriche, oltre che su principi più profondi relativi alla natura della realtà.
      • La conoscenza procedurale comprende l’euristica, la metodologia, la pianificazione, la prassi, le procedure, le abitudini, le strategie, le tattiche, le tecniche e l’ingegno (Ohlsson, 1994);
    • è possibile distinguere tra diversi tipi di conoscenza, che rappresentano modi diversi di imparare a conoscere il mondo. In particolare, sono state individuate le seguenti categorie di conoscenza:
      • conoscenze oggettive (naturali/scientifiche), giudicate in base al grado di certezza;
      • conoscenze soggettive (letterarie/estetiche), giudicate in base al grado di autenticità;
      • conoscenze morali (umane/normative), giudicate in base al senso comune (giusto/sbagliato);
      • conoscenze religiose/divine, giudicate in base a un’autorità divina (Dio).,

    Questa classificazione di fondo del significato di «conoscenza» determina gli interrogativi che ci poniamo, i metodi cheutilizziamo e le risposte che diamo alla nostra ricerca di conoscenza;

    • le conoscenze possono essere tacite o esplicite.
      • La conoscenza tacita (Polanyi, 1967) è una conoscenza che i discenti posseggono e che infl uisce sul processo cognitivo, senza tuttavia che i discenti ne siano necessariamente consapevoli o in grado di esprimerla.
      • La conoscenza esplicita è la conoscenza da cui il discente può attingere consciamente e comprende le conoscenze tacite, che si trasformano in forma esplicita diventando «oggetto del pensiero» (Prawat, 1989).
    Fonte: 
    Cedefop, 2008; European Parliament and Council of the European Union, 2008.
  • contenuto dell’apprendimento

    Definizione: 

    Gli argomenti e le attività che costituiscono l’insieme di quanto deve essere acquisito da una persona o da un gruppo di discenti in un intervento formativo.

    Fonte: 
    adattato da European Training Foundation, 1997.
  • convalida dei risultati dell’apprendimento

    Definizione: 

    La conferma, da parte di un ente competente, che i risultati dell’apprendimento (conoscenze, abilità e/o competenze) acquisiti da una persona in un contesto formale, non formale o informale sono stati accertati in base a criteri prestabiliti e sono conformi ai requisiti di uno standard di convalida. La convalida è generalmente seguita dalla certificazione.

    o

    Il processo di conferma, da parte dell'autorità competente, dell'acquisizione di un risultato di apprendimento misurato in rapporto a uno standard appropriato. La convalida e articolata nelle seguenti quattro fasi distinte:

    • identificazione mediante un colloquio delle esperienze specifiche dell'interessato;

    • documentazione per rendere visibili le esperienze dell'interessato;

    • valutazione formale di tali esperienze; e

    • certificazione dei risultati della valutazione che può portare a una qualifica parziale o completa.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008; Council of the European Union, 2012.
  • curriculum / piano di studi

    Definizione: 

    Elenco delle attività intraprese per strutturare, organizzare e progettare un intervento d’istruzione o formazione, comprendente la definizione degli obiettivi dell’apprendimento, i contenuti, i metodi (tra cui l’accertamento) e i materiali didattici, nonché le line direttrici per la formazione di insegnanti e formatori.

    Nota: 

    il termine «curriculum» indica la strutturazione, l’organizzazione e la progettazione di un intervento di apprendimento, mentre il termine «programma» si riferisce alla sua attuazione.

    Fonte: 
    Cedefop, 2008; Landsheere, 1979.